Warning: Declaration of PAFE_Support::register_controls($element, $section_id) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-support.php on line 15

Warning: Declaration of PAFE_Parallax::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-parallax.php on line 29

Warning: Declaration of PAFE_Responsive_Border_Width::register_controls($element, $section_id) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-responsive-border-width.php on line 13

Warning: Declaration of PAFE_Section_Link::register_controls($element, $section_id) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-section-link.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Column_Link::register_controls($element, $section_id) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-column-link.php on line 15

Warning: Declaration of PAFE_Column_Width::register_controls($element, $section_id, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-column-width.php on line 13

Warning: Declaration of PAFE_Multiple_Background_Images::register_controls($element, $section_id) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-multiple-background-images.php on line 13

Warning: Declaration of PAFE_Responsive_Column_Order::register_controls($element, $section_id) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-responsive-column-order.php on line 13

Warning: Declaration of PAFE_Responsive_Hide_Column::register_controls($element, $section_id) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-responsive-hide-column.php on line 13

Warning: Declaration of PAFE_Font_Awesome_5::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-font-awesome-5.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Navigation_Arrows_Icon::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-navigation-arrows-icon.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Responsive_Gallery_Column_Width::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-responsive-gallery-column-width.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Responsive_Gallery_Images_Spacing::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-responsive-gallery-images-spacing.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Media_Carousel_Ratio::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-media-carousel-ratio.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Advanced_Form_Styling::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-advanced-form-styling.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Advanced_Tabs_Styling::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-advanced-tabs-styling.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Advanced_Dots_Styling::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-advanced-dots-styling.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Responsive_Section_Column_Text_Align::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-responsive-section-column-text-align.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Close_First_Accordion::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-close-first-accordion.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Column_Aspect_Ratio::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-column-aspect-ratio.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Advanced_Nav_Menu_Styling::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-advanced-nav-menu-styling.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Ajax_Live_Search::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-ajax-live-search.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Crossfade_Multiple_Background_Images::register_controls($element, $section_id) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-crossfade-multiple-background-images.php on line 13

Warning: Declaration of PAFE_Conditional_Logic_Form::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-conditional-logic-form.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Form_Builder_Conditional_Logic::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-form-builder-conditional-logic.php on line 15

Warning: Declaration of PAFE_Form_Abandonment::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-form-abandonment.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Form_Builder_Repeater::register_controls($element, $section_id) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-form-builder-repeater.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Form_Builder_Repeater_Trigger::register_controls($element, $section_id) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-form-builder-repeater-trigger.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Range_Slider::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-range-slider.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Calculated_Fields_Form::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-calculated-fields-form.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Image_Select_Field::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-image-select-field.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Form_Google_Sheets_Connector::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-form-google-sheets-connector.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Text_Color_Change_On_Column_Hover::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-text-color-change-on-column-hover.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Convert_Image_To_Black_Or_White::register_controls($element, $args) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-convert-image-to-black-or-white.php on line 14

Warning: Declaration of PAFE_Woocommerce_Sales_Funnels_Add_To_Cart::register_controls($element, $section_id) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/therreo.it/public_html/wp-content/plugins/piotnet-addons-for-elementor-pro/controls/pafe-woocommerce-sales-funnels-add-to-cart.php on line 14
Procedura scelta preventivi PSR Sicilia 2014/2020 | Therreo

Procedura scelta preventivi PSR Sicilia 2014/2020

PROCEDURA DI RICHIESTA E DI SCELTA DEI PREVENTIVI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI SOSTEGNO NELL’AMBITO DELLE OPERAZIONI FINANZIATE A VALERE DEL PSR SICILIA 2014/2020.

Circolare del Dipartimento dell’Agricoltura – Regione Siciliana di cui al Prot. 27248 del 23 giugno 2020

La Circolare sopra richiamata, ha introdotto disposizioni in merito alla richiesta e la scelta dei preventivi nell’ambito dell’attuazione del PSR Sicilia 2014-2020.

Nella sostanza, questa circolare, nel confermare che ai fini dell’ammissibilità dei costi relativi a opere/attrezzature a preventivo, è necessaria la presentazione di tre preventivi confrontabili tra loro e resi da ditte offerenti specializzate ed indipendenti, ALLA FACCIA DELLA SEMPLIFICAZIONE PROCEDURALE, procede alla indicazione di una FORMALE PROCEDURA, che le imprese che intendono richiedere la agevolazioni debbono, OBBLIGATORIAMENTE, fare ai fini della richiesta di ogni singolo preventivo di spesa al fornitore, pena LA NON AMMISSIBILITA’ DEL PREVENTIVO STESSO.

Chiaramente, quello che è scritto di seguito, riguarda SOLAMENTE la procedura di richiesta di 1 PREVENTIVO DI SPESA ad un singolo fornitore, rimanendo ferme tutte le altre procedure previste dai singoli bandi emanati dall’Assessorato Agricoltura in merito alla ulteriore documentazione aggiuntiva (che in questa sede non è possibile richiamare).

Ma ecco la procedura che I BUROCRATI dell’Assessorato Agricoltura della Regione Siciliana, attraverso la circolare richiamata, hanno imposto alle imprese agricole per l’indicazione del costo di un bene, sul quale si intende richiedere le agevolazioni di legge (NB. NON CI RISULTANO SIMILI CIRCOLARI IN TUTTA ITALIA).

Intanto, per poter ottenere l’ammissibilità alle agevolazioni di un bene (es. voglio comprare una zappa), l’impresa agricola, PER I MEDESIMO BENE (“LA ZAPPA”) deve procedere alla presentazione all’Assessorato Agricoltura di nr. tre preventivi (per lo stesso bene), confrontabili tra loro e resi da nr. 3 ditte offerenti, specializzate ed indipendenti tra loro.

La richiesta di ciascun preventivo, dovrà essere documentata tramite la ricevuta della PEC di invio, o attraverso l’apposizione sulla richiesta di apposito timbro e firma, per ricevuta, della ditta offerente, od altra documentazione comprovante la ricezione della richiesta di preventivo. Solamente per le ditte offerenti estere che non hanno obbligo di PEC (I BUROCRATI SONO SEMPRE MOLTO PRECISI), la richiesta di preventivo potrà essere comprovata anche dal FAX (??????) (QUASI NON ESISTONO PIU’ NEGLI UFFICI) (TUTTO QUESTO SOLAMENTE PER DIRE CHE SE SI PRESENTA LA RICHIESTA DI PREVENTIVO ALLA DITTA ESTERA X SEMPLICE MAIL, IL PREVENTIVO ACQUISITO NON SARA’ AMMISSIBILE). ATTENZIONE! La richiesta dei preventivi dovrà essere dettagliata (NON GENERICA), affinché il confronto successivo, tra richiesta e offerta, sia evidente e senza sottintesi.

I nr. 3 preventivi dovranno essere acquisiti dal richiedente o soggetto da lui delegato (CHE VORRA’ PURE ESSERE PAGATO, NON VI PARE????), e dovranno essere omogenei nell’oggetto della fornitura, affinché sia immediato il raffronto tra le proposte. I preventivi acquisiti, inoltre, dovranno essere dettagliati e non potranno prevedere importi a “corpo”. ATTENZIONE: I BUROCRATI hanno previsto anche come l’impresa agricola debba EFFETTUARE LA SCELTA, tra i 3 preventivi acquisiti.

La scelta dovrà essere effettuata per parametri tecnico-economici e per costi/benefici.

Le offerte acquisite dai 3 fornitori devono essere indipendenti, comparabili e competitive rispetto ai prezzi di mercato (gli importi dovranno riflettere i prezzi più vantaggiosi praticati effettivamente sul mercato e non i prezzi di catalogo). MA ATTENZIONE A NON SBAGLIARE QUESTA: I tre preventivi per essere comparabili devono essere resi o da tre ditte fornitrici/rivenditori, o da tre ditte costruttrici. Non sono ammissibili preventivi, per lo stesso prodotto, la cui comparazione avviene tra ditte fornitrici/rivenditori e ditte costruttrici.

I preventivi, ancora, devono essere resi da Ditte in concorrenza tra di loro. Si possono ritenere in concorrenza le ditte che non hanno tra loro gli stessi titolari, soci, amministratori (i soci conferitori di Cooperative agricole che non hanno potere sulla scelta economica della fornitura non dovranno essere presi in considerazione).

I BUROCRATI HANNO PENSATO PROPRIO A TUTTO, ANCHE AL FORMATO, INFATTI: I tre preventivi dovranno essere redatti su carta intestata della ditta offerente, con l’indicazione ben visibile della ragione sociale, il relativo numero di iscrizione alla CCIAA ed il C.F e/o P.IVA, ovvero codici identificativi similari nel caso in cui la ditta offerente sia estera.

Inoltre, nei preventivi, PENA LA INAMMISSIBILITA’ degli stessi, dovranno essere indicati:

  1. la data di emissione del preventivo;
  2. dichiarazione della ditta offerente se trattasi di una ditta fornitrice/rivenditrice o di una ditta costruttrice;
  3. la dettagliata descrizione del bene oggetto di fornitura;
  4. la quantità (numero) dei beni acquistati;
  5. il prezzo del singolo bene franco arrivo;
  6. l’indicazione delle modalità e dei tempi di consegna della fornitura;
  7. timbro firma della ditta offerente (legale rappresentante o soggetto delegato).

Ma, adesso viene il bello, COME DOVRA’ ESSERE FATTO IL RAFFRONTO tra i diversi 3 preventivi?

La Circolare prevede che dovrà essere predisposto un apposito prospetto di raffronto con l’indicazione del preventivo scelto e della motivazione della scelta stessa, firmato (IL PROSPETTO DI RAFFRONTO) dal legale rappresentante e dal tecnico competente.

L’impresa agricola, IN AGGIUNTA, deve ANCHE fornire una relazione tecnico economica redatta e sottoscritta da un tecnico competente, nella quale dovrà essere illustrata la motivazione della scelta del preventivo in questione rispetto agli altri preventivi. La mancanza di uno solo dei tre preventivi di spesa comporta la non ammissibilità all’aiuto e non finanziabilità.

MA ECCO L’ECCEZIONE: La presenza dei tre preventivi non trova applicazione nei casi in cui non sia possibile reperire più costruttori per un determinato bene. QUINDI, PER L’IPOTESI IN CUI il bene è fabbricato e venduto da una sola ditta costruttrice dovrà essere allegata dichiarazione di unicità redatta dalla stessa ditta costruttrice. NON SO SE AVETE CAPITO. SE IL BENE È PRODOTTO DA UNA SOLA DITTA MA COMMERCIALIZZATO DA PIU’ RIVENDITORI, QUESTA ECCEZIONE NON SI PUO’ APPLICARE.

Riepilogano, dopo che l’impresa agricola ha effettuato tutta la procedura descritta nella circolare, la stessa dovrebbe essere in grado di allegare tutta la documentazione richiesta (dalla Circolare), come di seguito descritto:

DOCUMENTI AGGIUNTIVI DA PRESENTARE ENTRO I TERMINI FINALI DI PRESENTAZIONE PREVISTI DAI BANDI

n. 3 preventivi di spesa forniti da ditte in concorrenza per attrezzature, rilasciati tutti da case produttrici ovvero (in alternativa), tutti da rivenditori autorizzati, producendo in allegato quanto segue:

  • Prospetto di raffronto con l’indicazione del preventivo scelto e della motivazione della scelta stessa, firmato dal legale rappresentante e tecnico competente.
  • Perizia asseverata (IL TECNICO VA PAGATO) attestante la congruità della spesa (del seguente tenore “nella certezza di aver applicato al meglio le mie capacità professionali nella redazione della presente perizia, confermo, sotto la mia personale responsabilità, l’autenticità e la certezza dei contenuti della redazione”) redatta da un perito (professionisti abilitati all’esercizio della professione, nei limiti delle competenze stabilite dalle leggi istitutive dei singolo Ordini/collegi ed iscritti al relativo Ordine o Collegio Professionale) nella quale verranno confermati i contenuti sotto la propria responsabilità, attestandone l’autenticità e veridicità.

– Dichiarazione a cura del legale rappresentante dell’impresa o del capofila proponente, ai sensi del DPR n. 445/2000 art.46 e 47:

  • che attesti che non vi siano collegamenti tra l’Azienda che richiede l’accesso all’aiuto, e la Ditta offerente, ovvero che non abbiano in comune soci, amministratori o procuratori con poteri di rappresentanza;
  • che attesti che la scelta del preventivo è avvenuta in base ad una attenta analisi di mercato e della competitività dei costi in esso indicati;
  • che attesti che la scelta della Ditta offerente è avvenuta in base ai controlli sulla sua affidabilità, sulle condizioni di vendita e sui tempi di spedizione e consegna.

– Nel caso di beni fabbricati e venduti da una sola ditta costruttrice, dichiarazione di unicità redatta dalla stessa ditta costruttrice.

CONSIDERAZIONI FINALI:

La procedura barbara di richiedere all’impresa agricola di presentare nr. 3 preventivi (in relazione a ciascun bene da acquistare per il quale si intende richiedere le agevolazioni), esiste già da tempo, ed è stata da sempre odiata e subita, sia dalle imprese agricole che dai tecnici che le assistono, in quanto GIA’ PRIMA DELLA PUBBLICAZIONE DELLA CIRCOLARE RICHIAMATA, costituiva un aggravio di tempo INUTILE (di seguito vi spieghiamo perché) che si giustificava SOLAMENTE con la necessità di dover supportare il lavoro dei burocrati regionali i quali, in fase di istruttoria delle istanze di finanziamento presentate dalla imprese agricole, dovrebbero fare l’analisi di congruità dei prezzi unitari di acquisto di macchinari, impianti ed attrezzature che, NON SAPREBBERO COME FARE, anche perché se facessero loro LA VERIFICA DI CONGRUITA’, potrebbero ANCHE essere costretti ad assumersi delle responsabilità. . . E CAPITE BENE CHE AD UN BUOCRATE PUOI CHIEDERE TUTTO. . . . MA NON DI ASSUMERSI LE SUE RESPONSABILITA’.

Premesso quanto sopra, adesso vi spieghiamo IL SEGRETO DI PULCINELLA, che conoscono tutti, anche gli stessi BUROCRATI REGIONALI che hanno pensato e scritto con cotanta precisione e dovizia di particolari questa IGNOBILE CIRCOLARE, evidentemente solo per salvare le apparenze e la loro faccia, dal quale si capisce il perché questa procedura è DEL TUTTO INUTILE e serve solo a far perdere tempo e denaro alle imprese agricole che intendono richieste le agevolazioni di legge per fare i propri investimenti.

IL SEGRETO DI PULCINELLA: Il segreto che vado a svelare, relativo ai preventivi, comporta 2 diverse componenti:

  1. Validità dell’offerta:In termini legali, l’offerta relativa al preventivo acquisito dal fornitore non ci pare che possa ritenersi valida oltre i 180 giorni dalla sua data di rilascio. Questo, sempre che il fornitore stesso NON scriva NULLA al riguardo sul preventivo rilasciato. Nella realtà, la maggioranza dei fornitori (ED I BUROCRATI QUESTO LO SANNO BENISSIMO) che rilascia il preventivo, si preoccupa (GIUSTAMENTE) di precisare un termine di validità dell’offerta che, generalmente, si attesta tra i 60 e i 90 giorni dalla data di rilascio. A questo punto, nella considerazione che dalla data di presentazione delle domande di finanziamento alla data di avvio dei programmi di investimenti finanziati (realizzazione del primo acquisto successivo all’incasso dell’anticipazione) passa SEMPRE non meno di 18 mesi (ovviamente sono prudenziale) e che pertanto tutte le offerte acquisite dai fornitori SONO DA INTEDERSI SCADUTE, non si capisce a cosa serve questa procedura posto che, invece, i medesimi burocrati, (OBBLIGATORIAMENTE) saranno chiamati a fare l’analisi di congruità in relazione al valore effettivo dell’acquisto, come desunto dalla relativa fattura (questo sì che è un documento serio) e che, tra il rilascio del preventivo ed il sostenimento della spesa esiste un certo periodo di tempo, troppo lungo affinché sia solo possibile pensare che l’acquisto preventivato (si pensi al costo di un ad un computer o di un macchinario innovativo) si possa fare, A CONSUNTIVO, alle medesime condizioni indicate sul preventivo selezionato (sui 3 acquisiti) e consegnato al momento di presentazione della domanda di agevolazione. MORALE: Lo sappiamo tutti che comunque, con buona probabilità il valore di acquisto effettivo del bene da finanziare sarà sicuramente diverso da quello presentato, ed allora perché richiedere un sforzo così importante in fase di predisposizione delle domande di finanziamento? Tanto sappiamo già che NON SERVIRA’ A NULLA! PERCHE’ CI FATE PERDERE TEMPO E DENARO? (CFR. RICHESTA DELLA PERIZIA DI STIMA).
  2. Già oggi l’individuazione del fornitore da selezionare, scelto tra i 3 fornitori che hanno presentato l’offerta), è solamente UNA FINZIONE. Lo sanno bene i BUROCRATI, tanto che (a nostro modesto avviso) proprio perché lo sanno così bene, hanno deciso (dopo tanto tempo) di fare questo colpo di coda attraverso la pubblicazione di questa circolare che, non contribuirà certamente a risolvere alcun problema. Ma questo è normale, posto che tutta questa farsa (come sopra illustrato) NON SERVE A NULLA, se non supportare il lavoro dei BUROCRATI REGIONALI (che non vogliono/sanno svolgere: L’analisi di congruità dei prezzi unitari beni oggetto della domanda di finanziamento. Ciò in quanto, posto che le imprese private NON sono soggette a NESSUN OBBLIGO DI APPLICAZIONE DEL CODICE DEGLI APPALTI, fino a prima di uscire la circolare in esame, l’impresa (od il tecnico incaricato) procedevano prima di tutto a selezionare il proprio fornitore di fiducia (come avviene regolarmente per qualsiasi altro acquisto eseguito da un imprenditore privato), individuando in questo modo il fornitore che, qualora il progetto venga finanziato, sarà chiamato ad effettuare la fornitura del bene. Quindi, l’impresa procede a richiedere al fornitore il favore di occuparsi lui stesso (chiedendo ad altri colleghi produttori/rivenditori) di far formulare altri nr. 2 preventivi aventi la medesima descrizione delle caratteristiche tecniche del bene (la bozza della descrizione, solitamente, viene fornita si file editabile) e una piccola differenza (al rialzo) sul prezzo unitario del bene da preventivare, che garantisce le motivazioni per la scelta (UN PRESSO PIU’ BASSO, E QUINDI PIU’ CONVENIENTE). Le imprese fornitrici che lavorano sistematicamente sui bandi dell’Assessorato Agricoltura, addirittura, usavano scambiarsi favori reciproci in tal senso, costruendo la MACCHINA DELLA CARTA creata ad arte dai BUROCRATI che NON SERVE A NULLA, se non a creare documenti che loro metteranno a supporto di un’analisi di congruità che A PREVENTIVO non serve A NULLA e che, in ogni caso, loro (ci sembra) sono restii ad eseguire personalmente (dovrebbero farlo loro in fase di istruttoria delle istanza) in quanto, ovviamente, questa attestazione comporta di eseguire delle ricerche di mercato (che quindi comporta per loro un lavoro aggiuntivo) e l’assunzione di responsabilità che, invece, come si evince dal contenuto letterale della circolare, I BUROCRATI STANNO CERCANDO DI SCARICARE tutta sulle spalle delle imprese e dei tecnici incaricati, ADDIRITTURA DETTANDO IL CONTENUTO PRECISO (in questo i burocrati sono impareggiabili) dell’ASSEVERAZIONE che occorre effettuare, PENA LA INAMMISSIBILITA’ del preventivo.

La cosa che mi fa ancora più pensare è il silenzio, su una cosa così importante, da parte di tutti, imprese agricole, loro sindacati e rappresentanze collettive e via discorrendo. . . . .SIAMO ALLE SOLITE, pur di andare avanti siamo disposti a produrre ogni documento, anche impossibile da immaginare, ma puntualmente richiesto dal BURCRATE DI TURNO, pur di non farlo fermare e farlo andare avanti con la singola istruttoria.

Se guardiamo ai livelli di spesa conseguiti ALLA DATA ODIERAN non solo dal PSR Sicilia 2014-2020, ma su tutta la programmazione regionale, ci accordiamo però che questo assecondare la burocrazia a tutti i costi NON CI PORTA DA NESSUNA PARTE.

CI AUGURIAMO SOLAMENTE CHE QUALCUNO SMETTA DI METTERE LA TESTA SOTTO LA SABBIA ED INTERVENGA A RISTABILIRE L’ORDINE DELLE COSE. OCCORRE SEMPLIFICARE E VELOCIZZARE TUTTO, QUESTA CIRCOLARE, NON HA ALCUN SENSO SE NON ILT ENTATIVO DI IRRIGIDIRE ULTERIORMENTE LE PROCEDURE DI APPROVAZINE E SPESA DEL PROGRAMMA PSR SICILIA 2014-2020.

Scarica la Circolare

Clicca per scaricare la circolare
"Misure urgenti di liberalizzazione e semplificazione dei procedimenti amministrativi e novità normative introdotte in relazione all’emergenza coronavirus"

Leggi altri articoli simili

 

PEC: therreo@pec.it - P.IIVA: 02322940814 - Cod. Univoco: M5UXCR1

Privacy Policy

CONTATTI

Via Giovanni Gentile n. 36

91022 Castelvetrano TP

info@therreo.it

ORARI

dal Lunedì al Venerdì

09:00 / 13:00

15:00 / 19:00

Procedura scelta preventivi PSR Sicilia 2014/2020

PROCEDURA DI RICHIESTA E DI SCELTA DEI PREVENTIVI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI SOSTEGNO NELL’AMBITO DELLE OPERAZIONI FINANZIATE A VALERE DEL PSR SICILIA 2014/2020.

Circolare del Dipartimento dell’Agricoltura – Regione Siciliana di cui al Prot. 27248 del 23 giugno 2020

La Circolare sopra richiamata, ha introdotto disposizioni in merito alla richiesta e la scelta dei preventivi nell’ambito dell’attuazione del PSR Sicilia 2014-2020.

Nella sostanza, questa circolare, nel confermare che ai fini dell’ammissibilità dei costi relativi a opere/attrezzature a preventivo, è necessaria la presentazione di tre preventivi confrontabili tra loro e resi da ditte offerenti specializzate ed indipendenti, ALLA FACCIA DELLA SEMPLIFICAZIONE PROCEDURALE, procede alla indicazione di una FORMALE PROCEDURA, che le imprese che intendono richiedere la agevolazioni debbono, OBBLIGATORIAMENTE, fare ai fini della richiesta di ogni singolo preventivo di spesa al fornitore, pena LA NON AMMISSIBILITA’ DEL PREVENTIVO STESSO.

Chiaramente, quello che è scritto di seguito, riguarda SOLAMENTE la procedura di richiesta di 1 PREVENTIVO DI SPESA ad un singolo fornitore, rimanendo ferme tutte le altre procedure previste dai singoli bandi emanati dall’Assessorato Agricoltura in merito alla ulteriore documentazione aggiuntiva (che in questa sede non è possibile richiamare).

Ma ecco la procedura che I BUROCRATI dell’Assessorato Agricoltura della Regione Siciliana, attraverso la circolare richiamata, hanno imposto alle imprese agricole per l’indicazione del costo di un bene, sul quale si intende richiedere le agevolazioni di legge (NB. NON CI RISULTANO SIMILI CIRCOLARI IN TUTTA ITALIA).

Intanto, per poter ottenere l’ammissibilità alle agevolazioni di un bene (es. voglio comprare una zappa), l’impresa agricola, PER I MEDESIMO BENE (“LA ZAPPA”) deve procedere alla presentazione all’Assessorato Agricoltura di nr. tre preventivi (per lo stesso bene), confrontabili tra loro e resi da nr. 3 ditte offerenti, specializzate ed indipendenti tra loro.

La richiesta di ciascun preventivo, dovrà essere documentata tramite la ricevuta della PEC di invio, o attraverso l’apposizione sulla richiesta di apposito timbro e firma, per ricevuta, della ditta offerente, od altra documentazione comprovante la ricezione della richiesta di preventivo. Solamente per le ditte offerenti estere che non hanno obbligo di PEC (I BUROCRATI SONO SEMPRE MOLTO PRECISI), la richiesta di preventivo potrà essere comprovata anche dal FAX (??????) (QUASI NON ESISTONO PIU’ NEGLI UFFICI) (TUTTO QUESTO SOLAMENTE PER DIRE CHE SE SI PRESENTA LA RICHIESTA DI PREVENTIVO ALLA DITTA ESTERA X SEMPLICE MAIL, IL PREVENTIVO ACQUISITO NON SARA’ AMMISSIBILE). ATTENZIONE! La richiesta dei preventivi dovrà essere dettagliata (NON GENERICA), affinché il confronto successivo, tra richiesta e offerta, sia evidente e senza sottintesi.

I nr. 3 preventivi dovranno essere acquisiti dal richiedente o soggetto da lui delegato (CHE VORRA’ PURE ESSERE PAGATO, NON VI PARE????), e dovranno essere omogenei nell’oggetto della fornitura, affinché sia immediato il raffronto tra le proposte. I preventivi acquisiti, inoltre, dovranno essere dettagliati e non potranno prevedere importi a “corpo”. ATTENZIONE: I BUROCRATI hanno previsto anche come l’impresa agricola debba EFFETTUARE LA SCELTA, tra i 3 preventivi acquisiti.

La scelta dovrà essere effettuata per parametri tecnico-economici e per costi/benefici.

Le offerte acquisite dai 3 fornitori devono essere indipendenti, comparabili e competitive rispetto ai prezzi di mercato (gli importi dovranno riflettere i prezzi più vantaggiosi praticati effettivamente sul mercato e non i prezzi di catalogo). MA ATTENZIONE A NON SBAGLIARE QUESTA: I tre preventivi per essere comparabili devono essere resi o da tre ditte fornitrici/rivenditori, o da tre ditte costruttrici. Non sono ammissibili preventivi, per lo stesso prodotto, la cui comparazione avviene tra ditte fornitrici/rivenditori e ditte costruttrici.

I preventivi, ancora, devono essere resi da Ditte in concorrenza tra di loro. Si possono ritenere in concorrenza le ditte che non hanno tra loro gli stessi titolari, soci, amministratori (i soci conferitori di Cooperative agricole che non hanno potere sulla scelta economica della fornitura non dovranno essere presi in considerazione).

I BUROCRATI HANNO PENSATO PROPRIO A TUTTO, ANCHE AL FORMATO, INFATTI: I tre preventivi dovranno essere redatti su carta intestata della ditta offerente, con l’indicazione ben visibile della ragione sociale, il relativo numero di iscrizione alla CCIAA ed il C.F e/o P.IVA, ovvero codici identificativi similari nel caso in cui la ditta offerente sia estera.

Inoltre, nei preventivi, PENA LA INAMMISSIBILITA’ degli stessi, dovranno essere indicati:

  1. la data di emissione del preventivo;
  2. dichiarazione della ditta offerente se trattasi di una ditta fornitrice/rivenditrice o di una ditta costruttrice;
  3. la dettagliata descrizione del bene oggetto di fornitura;
  4. la quantità (numero) dei beni acquistati;
  5. il prezzo del singolo bene franco arrivo;
  6. l’indicazione delle modalità e dei tempi di consegna della fornitura;
  7. timbro firma della ditta offerente (legale rappresentante o soggetto delegato).

Ma, adesso viene il bello, COME DOVRA’ ESSERE FATTO IL RAFFRONTO tra i diversi 3 preventivi?

La Circolare prevede che dovrà essere predisposto un apposito prospetto di raffronto con l’indicazione del preventivo scelto e della motivazione della scelta stessa, firmato (IL PROSPETTO DI RAFFRONTO) dal legale rappresentante e dal tecnico competente.

L’impresa agricola, IN AGGIUNTA, deve ANCHE fornire una relazione tecnico economica redatta e sottoscritta da un tecnico competente, nella quale dovrà essere illustrata la motivazione della scelta del preventivo in questione rispetto agli altri preventivi. La mancanza di uno solo dei tre preventivi di spesa comporta la non ammissibilità all’aiuto e non finanziabilità.

MA ECCO L’ECCEZIONE: La presenza dei tre preventivi non trova applicazione nei casi in cui non sia possibile reperire più costruttori per un determinato bene. QUINDI, PER L’IPOTESI IN CUI il bene è fabbricato e venduto da una sola ditta costruttrice dovrà essere allegata dichiarazione di unicità redatta dalla stessa ditta costruttrice. NON SO SE AVETE CAPITO. SE IL BENE È PRODOTTO DA UNA SOLA DITTA MA COMMERCIALIZZATO DA PIU’ RIVENDITORI, QUESTA ECCEZIONE NON SI PUO’ APPLICARE.

Riepilogano, dopo che l’impresa agricola ha effettuato tutta la procedura descritta nella circolare, la stessa dovrebbe essere in grado di allegare tutta la documentazione richiesta (dalla Circolare), come di seguito descritto:

DOCUMENTI AGGIUNTIVI DA PRESENTARE ENTRO I TERMINI FINALI DI PRESENTAZIONE PREVISTI DAI BANDI

n. 3 preventivi di spesa forniti da ditte in concorrenza per attrezzature, rilasciati tutti da case produttrici ovvero (in alternativa), tutti da rivenditori autorizzati, producendo in allegato quanto segue:

  • Prospetto di raffronto con l’indicazione del preventivo scelto e della motivazione della scelta stessa, firmato dal legale rappresentante e tecnico competente.
  • Perizia asseverata (IL TECNICO VA PAGATO) attestante la congruità della spesa (del seguente tenore “nella certezza di aver applicato al meglio le mie capacità professionali nella redazione della presente perizia, confermo, sotto la mia personale responsabilità, l’autenticità e la certezza dei contenuti della redazione”) redatta da un perito (professionisti abilitati all’esercizio della professione, nei limiti delle competenze stabilite dalle leggi istitutive dei singolo Ordini/collegi ed iscritti al relativo Ordine o Collegio Professionale) nella quale verranno confermati i contenuti sotto la propria responsabilità, attestandone l’autenticità e veridicità.

– Dichiarazione a cura del legale rappresentante dell’impresa o del capofila proponente, ai sensi del DPR n. 445/2000 art.46 e 47:

  • che attesti che non vi siano collegamenti tra l’Azienda che richiede l’accesso all’aiuto, e la Ditta offerente, ovvero che non abbiano in comune soci, amministratori o procuratori con poteri di rappresentanza;
  • che attesti che la scelta del preventivo è avvenuta in base ad una attenta analisi di mercato e della competitività dei costi in esso indicati;
  • che attesti che la scelta della Ditta offerente è avvenuta in base ai controlli sulla sua affidabilità, sulle condizioni di vendita e sui tempi di spedizione e consegna.

– Nel caso di beni fabbricati e venduti da una sola ditta costruttrice, dichiarazione di unicità redatta dalla stessa ditta costruttrice.

CONSIDERAZIONI FINALI:

La procedura barbara di richiedere all’impresa agricola di presentare nr. 3 preventivi (in relazione a ciascun bene da acquistare per il quale si intende richiedere le agevolazioni), esiste già da tempo, ed è stata da sempre odiata e subita, sia dalle imprese agricole che dai tecnici che le assistono, in quanto GIA’ PRIMA DELLA PUBBLICAZIONE DELLA CIRCOLARE RICHIAMATA, costituiva un aggravio di tempo INUTILE (di seguito vi spieghiamo perché) che si giustificava SOLAMENTE con la necessità di dover supportare il lavoro dei burocrati regionali i quali, in fase di istruttoria delle istanze di finanziamento presentate dalla imprese agricole, dovrebbero fare l’analisi di congruità dei prezzi unitari di acquisto di macchinari, impianti ed attrezzature che, NON SAPREBBERO COME FARE, anche perché se facessero loro LA VERIFICA DI CONGRUITA’, potrebbero ANCHE essere costretti ad assumersi delle responsabilità. . . E CAPITE BENE CHE AD UN BUOCRATE PUOI CHIEDERE TUTTO. . . . MA NON DI ASSUMERSI LE SUE RESPONSABILITA’.

Premesso quanto sopra, adesso vi spieghiamo IL SEGRETO DI PULCINELLA, che conoscono tutti, anche gli stessi BUROCRATI REGIONALI che hanno pensato e scritto con cotanta precisione e dovizia di particolari questa IGNOBILE CIRCOLARE, evidentemente solo per salvare le apparenze e la loro faccia, dal quale si capisce il perché questa procedura è DEL TUTTO INUTILE e serve solo a far perdere tempo e denaro alle imprese agricole che intendono richieste le agevolazioni di legge per fare i propri investimenti.

IL SEGRETO DI PULCINELLA: Il segreto che vado a svelare, relativo ai preventivi, comporta 2 diverse componenti:

  1. Validità dell’offerta:In termini legali, l’offerta relativa al preventivo acquisito dal fornitore non ci pare che possa ritenersi valida oltre i 180 giorni dalla sua data di rilascio. Questo, sempre che il fornitore stesso NON scriva NULLA al riguardo sul preventivo rilasciato. Nella realtà, la maggioranza dei fornitori (ED I BUROCRATI QUESTO LO SANNO BENISSIMO) che rilascia il preventivo, si preoccupa (GIUSTAMENTE) di precisare un termine di validità dell’offerta che, generalmente, si attesta tra i 60 e i 90 giorni dalla data di rilascio. A questo punto, nella considerazione che dalla data di presentazione delle domande di finanziamento alla data di avvio dei programmi di investimenti finanziati (realizzazione del primo acquisto successivo all’incasso dell’anticipazione) passa SEMPRE non meno di 18 mesi (ovviamente sono prudenziale) e che pertanto tutte le offerte acquisite dai fornitori SONO DA INTEDERSI SCADUTE, non si capisce a cosa serve questa procedura posto che, invece, i medesimi burocrati, (OBBLIGATORIAMENTE) saranno chiamati a fare l’analisi di congruità in relazione al valore effettivo dell’acquisto, come desunto dalla relativa fattura (questo sì che è un documento serio) e che, tra il rilascio del preventivo ed il sostenimento della spesa esiste un certo periodo di tempo, troppo lungo affinché sia solo possibile pensare che l’acquisto preventivato (si pensi al costo di un ad un computer o di un macchinario innovativo) si possa fare, A CONSUNTIVO, alle medesime condizioni indicate sul preventivo selezionato (sui 3 acquisiti) e consegnato al momento di presentazione della domanda di agevolazione. MORALE: Lo sappiamo tutti che comunque, con buona probabilità il valore di acquisto effettivo del bene da finanziare sarà sicuramente diverso da quello presentato, ed allora perché richiedere un sforzo così importante in fase di predisposizione delle domande di finanziamento? Tanto sappiamo già che NON SERVIRA’ A NULLA! PERCHE’ CI FATE PERDERE TEMPO E DENARO? (CFR. RICHESTA DELLA PERIZIA DI STIMA).
  2. Già oggi l’individuazione del fornitore da selezionare, scelto tra i 3 fornitori che hanno presentato l’offerta), è solamente UNA FINZIONE. Lo sanno bene i BUROCRATI, tanto che (a nostro modesto avviso) proprio perché lo sanno così bene, hanno deciso (dopo tanto tempo) di fare questo colpo di coda attraverso la pubblicazione di questa circolare che, non contribuirà certamente a risolvere alcun problema. Ma questo è normale, posto che tutta questa farsa (come sopra illustrato) NON SERVE A NULLA, se non supportare il lavoro dei BUROCRATI REGIONALI (che non vogliono/sanno svolgere: L’analisi di congruità dei prezzi unitari beni oggetto della domanda di finanziamento. Ciò in quanto, posto che le imprese private NON sono soggette a NESSUN OBBLIGO DI APPLICAZIONE DEL CODICE DEGLI APPALTI, fino a prima di uscire la circolare in esame, l’impresa (od il tecnico incaricato) procedevano prima di tutto a selezionare il proprio fornitore di fiducia (come avviene regolarmente per qualsiasi altro acquisto eseguito da un imprenditore privato), individuando in questo modo il fornitore che, qualora il progetto venga finanziato, sarà chiamato ad effettuare la fornitura del bene. Quindi, l’impresa procede a richiedere al fornitore il favore di occuparsi lui stesso (chiedendo ad altri colleghi produttori/rivenditori) di far formulare altri nr. 2 preventivi aventi la medesima descrizione delle caratteristiche tecniche del bene (la bozza della descrizione, solitamente, viene fornita si file editabile) e una piccola differenza (al rialzo) sul prezzo unitario del bene da preventivare, che garantisce le motivazioni per la scelta (UN PRESSO PIU’ BASSO, E QUINDI PIU’ CONVENIENTE). Le imprese fornitrici che lavorano sistematicamente sui bandi dell’Assessorato Agricoltura, addirittura, usavano scambiarsi favori reciproci in tal senso, costruendo la MACCHINA DELLA CARTA creata ad arte dai BUROCRATI che NON SERVE A NULLA, se non a creare documenti che loro metteranno a supporto di un’analisi di congruità che A PREVENTIVO non serve A NULLA e che, in ogni caso, loro (ci sembra) sono restii ad eseguire personalmente (dovrebbero farlo loro in fase di istruttoria delle istanza) in quanto, ovviamente, questa attestazione comporta di eseguire delle ricerche di mercato (che quindi comporta per loro un lavoro aggiuntivo) e l’assunzione di responsabilità che, invece, come si evince dal contenuto letterale della circolare, I BUROCRATI STANNO CERCANDO DI SCARICARE tutta sulle spalle delle imprese e dei tecnici incaricati, ADDIRITTURA DETTANDO IL CONTENUTO PRECISO (in questo i burocrati sono impareggiabili) dell’ASSEVERAZIONE che occorre effettuare, PENA LA INAMMISSIBILITA’ del preventivo.

La cosa che mi fa ancora più pensare è il silenzio, su una cosa così importante, da parte di tutti, imprese agricole, loro sindacati e rappresentanze collettive e via discorrendo. . . . .SIAMO ALLE SOLITE, pur di andare avanti siamo disposti a produrre ogni documento, anche impossibile da immaginare, ma puntualmente richiesto dal BURCRATE DI TURNO, pur di non farlo fermare e farlo andare avanti con la singola istruttoria.

Se guardiamo ai livelli di spesa conseguiti ALLA DATA ODIERAN non solo dal PSR Sicilia 2014-2020, ma su tutta la programmazione regionale, ci accordiamo però che questo assecondare la burocrazia a tutti i costi NON CI PORTA DA NESSUNA PARTE.

CI AUGURIAMO SOLAMENTE CHE QUALCUNO SMETTA DI METTERE LA TESTA SOTTO LA SABBIA ED INTERVENGA A RISTABILIRE L’ORDINE DELLE COSE. OCCORRE SEMPLIFICARE E VELOCIZZARE TUTTO, QUESTA CIRCOLARE, NON HA ALCUN SENSO SE NON ILT ENTATIVO DI IRRIGIDIRE ULTERIORMENTE LE PROCEDURE DI APPROVAZINE E SPESA DEL PROGRAMMA PSR SICILIA 2014-2020.

Scarica la Circolare

Clicca per scaricare la circolare
"Misure urgenti di liberalizzazione e semplificazione dei procedimenti amministrativi e novità normative introdotte in relazione all’emergenza coronavirus"

Procedura scelta preventivi PSR Sicilia 2014/2020
Procedura scelta preventivi PSR Sicilia 2014/2020

Via Giovanni Gentile n. 36

91022 Castelvetrano TP

info@therreo.it