Modifica alla carta degli Aiuti

Il 19 aprile 2021 la Commissione europea ha adottato gli “Orientamenti in materia di aiuti di Stato a finalità regionale 2022-2027” (Comunicazione C(2021) 2594 del 19 aprile 2021), che stabiliscono i criteri per l’individuazione delle aree di cui all’articolo 107, paragrafo 3, lettere a) e c), del TFUE). Si tratta di aree dell’Unione europea in condizioni di svantaggio economico in cui è ammessa una deroga al divieto generale di concessione degli aiuti di Stato, sancito dall’articolo 107, paragrafo 1, del TFUE. Ai sensi degli Orientamenti, ogni Stato membro è tenuto a notificare alla Commissione europea un’unica Carta degli aiuti a finalità regionale, che identifica le suddette aree e specifica le intensità massime di aiuto ad esse applicabili.

Il 2 dicembre 2021 la Commissione europea ha approvato la Carta degli aiuti a finalità regionale 2022-2027 notificata dall’Italia. La Carta approvata con decisione della Commissione europea C(2021)8655 riguarda le regioni NUTS2 Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna e Molise, che rientrano nella deroga prevista dall’articolo 107, paragrafo 3, lettera a), del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (c.d. “zone a”, ossia NUTS2 il cui PIL pro-capite, misurato in standard di potere d’acquisto (SPA), è inferiore o pari al 75% della media UE27). Con la notifica delle “zone a”, l’Italia ha anche proposto di costituire una riserva di copertura in termini di popolazione corrispondente all’intera quota assegnata all’Italia per le “zone c non predefinite”.

Il processo per l’individuazione delle zone che soddisfano i requisiti di cui all’articolo 107, paragrafo 3, lettera c) del Trattato (c.d. “zone c non predefinite”) (Abruzzo e Regioni del Centro Nord d’Italia), è stato, infatti, più articolato e ha visto il coinvolgimento delle Regioni interessate. La designazione di queste zone è avvenuta sulla base dei criteri stabiliti dagli Orientamenti sugli aiuti a finalità regionale e della proposta del Dipartimento per le politiche di coesione di riparto del plafond di popolazione assegnato all’Italia (9,99 per cento della popolazione nazionale) a livello di regioni NUTS 2 e NUTS3. I criteri definiti dagli Orientamenti riflettono la varietà di situazioni in cui la concessione di aiuti di Stato a finalità regionale è giustificata, tenendo conto, quindi, di determinati problemi socio-economici, geografici o strutturali facilmente riscontrabili in tali zone, in modo da fornire garanzie che la concessione di tali aiuti non inciderà sulle condizioni degli scambi in misura contraria al comune interesse.

Il 17 dicembre 2021 il Dipartimento per le politiche di coesione ha notificato alla Commissione europea l’emendamento alla Carta aiuti a finalità regionale 2022-2027 già approvata il 2 dicembre 2021, per aggiungere alla medesima Carta le “zone c non predefinite”.

Con decisione C(2022)1545 final, del 18 marzo 2022 la Commissione europea ha approvato la modifica alla Carta aiuti a finalità regionale. Oltre all’individuazione dei territori, la Carta definisce le intensità massime di aiuto applicabili. Per le grandi imprese, tali intensità massime sono pari a:

  • 40% per le regioni Campania, Puglia, Calabria e Sicilia e al 30% per le regioni Molise, Basilicata e Sardegna;
  • 10% nelle “zone c non predefinite” con un PIL pro capite superiore al 100% della media dell’UE-27 e un tasso di disoccupazione inferiore al 100% della media UE-27;
  • 15% nelle altre “zone c non predefinite”.

Le intensità massime di aiuto per le grandi imprese possono essere maggiorate di 10 punti percentuali per le imprese di medie dimensioni e di 20 punti percentuali per le piccole imprese per investimenti iniziali con costi ammissibili fino a 50 milioni di euro. Nel caso di una “zona c” contigua ad una “zona a”, le intensità di aiuto nelle regioni NUTS3 (provincie), o in parti di queste regioni all’interno di detta “zona c” che sono contigue alla “zona a”, possono essere maggiorate nella misura necessaria affinché la differenza in termini di intensità di aiuto tra le due zone non superi 15 punti percentuali. Inoltre, i territori selezionati per beneficiare del sostegno del Fondo per una transizione giusta situati in una “zona a”, potranno beneficiare della maggiorazione 10 punti percentuali di tali intensità massime attraverso un ulteriori emendamento alla Carta non appena saranno approvati i relativi Piani territoriali.

La Carta degli aiuti a finalità regionale approvata, comprensiva delle “zone a” e delle “zone c non predefinite”, ha validità dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2027.

L’applicabilità dei regimi adottati a valere sulla Carta degli aiuti a finalità regionale 2014-2020, la cui validità è stata prorogata con decisione C(2020)6613, si è interrotta il 31 dicembre 2021.

Leggi altri articoli simili

 

PEC: therreo@pec.it - P.IIVA: 02322940814 - Cod. Univoco: M5UXCR1

Privacy Policy

CONTATTI

Via Giovanni Gentile n. 36

91022 Castelvetrano TP

info@therreo.it

ORARI

dal Lunedì al Venerdì

09:00 / 13:00

15:00 / 19:00

Modifica alla carta degli Aiuti

Il 19 aprile 2021 la Commissione europea ha adottato gli “Orientamenti in materia di aiuti di Stato a finalità regionale 2022-2027” (Comunicazione C(2021) 2594 del 19 aprile 2021), che stabiliscono i criteri per l’individuazione delle aree di cui all’articolo 107, paragrafo 3, lettere a) e c), del TFUE). Si tratta di aree dell’Unione europea in condizioni di svantaggio economico in cui è ammessa una deroga al divieto generale di concessione degli aiuti di Stato, sancito dall’articolo 107, paragrafo 1, del TFUE. Ai sensi degli Orientamenti, ogni Stato membro è tenuto a notificare alla Commissione europea un’unica Carta degli aiuti a finalità regionale, che identifica le suddette aree e specifica le intensità massime di aiuto ad esse applicabili.

Il 2 dicembre 2021 la Commissione europea ha approvato la Carta degli aiuti a finalità regionale 2022-2027 notificata dall’Italia. La Carta approvata con decisione della Commissione europea C(2021)8655 riguarda le regioni NUTS2 Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna e Molise, che rientrano nella deroga prevista dall’articolo 107, paragrafo 3, lettera a), del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (c.d. “zone a”, ossia NUTS2 il cui PIL pro-capite, misurato in standard di potere d’acquisto (SPA), è inferiore o pari al 75% della media UE27). Con la notifica delle “zone a”, l’Italia ha anche proposto di costituire una riserva di copertura in termini di popolazione corrispondente all’intera quota assegnata all’Italia per le “zone c non predefinite”.

Il processo per l’individuazione delle zone che soddisfano i requisiti di cui all’articolo 107, paragrafo 3, lettera c) del Trattato (c.d. “zone c non predefinite”) (Abruzzo e Regioni del Centro Nord d’Italia), è stato, infatti, più articolato e ha visto il coinvolgimento delle Regioni interessate. La designazione di queste zone è avvenuta sulla base dei criteri stabiliti dagli Orientamenti sugli aiuti a finalità regionale e della proposta del Dipartimento per le politiche di coesione di riparto del plafond di popolazione assegnato all’Italia (9,99 per cento della popolazione nazionale) a livello di regioni NUTS 2 e NUTS3. I criteri definiti dagli Orientamenti riflettono la varietà di situazioni in cui la concessione di aiuti di Stato a finalità regionale è giustificata, tenendo conto, quindi, di determinati problemi socio-economici, geografici o strutturali facilmente riscontrabili in tali zone, in modo da fornire garanzie che la concessione di tali aiuti non inciderà sulle condizioni degli scambi in misura contraria al comune interesse.

Il 17 dicembre 2021 il Dipartimento per le politiche di coesione ha notificato alla Commissione europea l’emendamento alla Carta aiuti a finalità regionale 2022-2027 già approvata il 2 dicembre 2021, per aggiungere alla medesima Carta le “zone c non predefinite”.

Con decisione C(2022)1545 final, del 18 marzo 2022 la Commissione europea ha approvato la modifica alla Carta aiuti a finalità regionale. Oltre all’individuazione dei territori, la Carta definisce le intensità massime di aiuto applicabili. Per le grandi imprese, tali intensità massime sono pari a:

  • 40% per le regioni Campania, Puglia, Calabria e Sicilia e al 30% per le regioni Molise, Basilicata e Sardegna;
  • 10% nelle “zone c non predefinite” con un PIL pro capite superiore al 100% della media dell’UE-27 e un tasso di disoccupazione inferiore al 100% della media UE-27;
  • 15% nelle altre “zone c non predefinite”.

Le intensità massime di aiuto per le grandi imprese possono essere maggiorate di 10 punti percentuali per le imprese di medie dimensioni e di 20 punti percentuali per le piccole imprese per investimenti iniziali con costi ammissibili fino a 50 milioni di euro. Nel caso di una “zona c” contigua ad una “zona a”, le intensità di aiuto nelle regioni NUTS3 (provincie), o in parti di queste regioni all’interno di detta “zona c” che sono contigue alla “zona a”, possono essere maggiorate nella misura necessaria affinché la differenza in termini di intensità di aiuto tra le due zone non superi 15 punti percentuali. Inoltre, i territori selezionati per beneficiare del sostegno del Fondo per una transizione giusta situati in una “zona a”, potranno beneficiare della maggiorazione 10 punti percentuali di tali intensità massime attraverso un ulteriori emendamento alla Carta non appena saranno approvati i relativi Piani territoriali.

La Carta degli aiuti a finalità regionale approvata, comprensiva delle “zone a” e delle “zone c non predefinite”, ha validità dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2027.

L’applicabilità dei regimi adottati a valere sulla Carta degli aiuti a finalità regionale 2014-2020, la cui validità è stata prorogata con decisione C(2020)6613, si è interrotta il 31 dicembre 2021.

Modifica alla carta degli Aiuti
Modifica alla carta degli Aiuti

Via Giovanni Gentile n. 36

91022 Castelvetrano TP

info@therreo.it